Anticorpo Anti-Pepsinogeno I (Pepsinogeno I, PG I, Zimogeno della pepsina CAS 9001-10-9)

antigeneDescrizioneProprietà
Informazioni sulla sicurezzaImmaginiAltre Informazioni

antigene

NomePepsinogeno I (PG I)
SinonimiPG I; pepsina; 9001-10-9; Pepsinogeno
SequenzaIMYKVPLIRK KSLRRTLSER GLLKDFLKKH NLNPARKYFP QWEAPTLVDE QPLENYLDME YFGTIGIGTP AQDFTVVFDT GSSNLWVPSV YCSSLACTNH NRFNPEDSST YQSTSETVSI TYGTGSMTGI LGYDTVQVGG ISDTNQIFGL SETEPGSFLY YAPFDGILGL AYPSISSSGA TPVFDNIWNQ GLVSQDLFSV YLSADDQSGS VVIFGGIDSS YYTGSLNWVP VTVEGYWQIT VDSITMNGEA IACAEGCQAI VDTGTSLLTG PTSPIANIQS DIGASENSDG DMVVSCSAIS SLPDIVFTIN GVQYPVPPSA YILQSEGSCI SGFQGMNLPT ESGELWILGD VFIRQYFTVF DRANNQVGLA PVAHHHHHH

Descrizione

NomeAnticorpo anti-pepsinogeno I.
SinonimiAnticorpo anti-PG I; Anticorpo pepsinogeno I; Anticorpo PG I.
ospiteTopo; Capra; coniglio
reattivitàTutte le specie
Tipo di prodotto anticorpale  Primario
UtilizzaRilevamento; Catturare
Coniugare Non coniugato; Biotina; APC; Fosfatasi alcalina (AP); FITC; HRP; PE
specificitàRiconosce il pepsinogeno I. Non ha reazioni crociate con il pepsinogeno II umano.
DomandaELISA; Immunoistochimica (IHC); Western blotting (WB); Immunofluorescenza (cellule fisse) (IF / ICC); Immunoprecipitazione (IP); Cell-ELISA (cELISA); Test immunologico (IA); Immunocitochimica (ICC)

Proprietà

ModuloLiquido / liofilizzato
Manovrabilità La soluzione anticorpale deve essere delicatamente miscelata prima dell'uso.
Condizioni di conservazioneConservare a 4 ° C per un uso frequente. Conservato a -20 ° C in un congelatore a sbrinamento manuale per un anno senza perdita di attività rilevabile. Evitare ripetuti cicli di congelamento-scongelamento.
clonalitàMonoclonale / Policlonale
IsotipoIgG

Informazioni sulla sicurezza

RIDADRNONH per tutti i modi di trasporto
Punto di infiammabilità (F) Non applicabile
Punto di infiammabilità (C) Non applicabile

Immagini

ELISAPepsinogeno I Elisa
Pagina SDS e WBPepsinogen I SDS-page e WB

Altre Informazioni

Informazioni sull'antigeneIl pepsinogeno I appartiene alla famiglia delle peptidasi A1. Mostra una specificità particolarmente ampia e sebbene siano preferiti i legami che coinvolgono fenilalanina e leucina, molti altri sono anche scissi in una certa misura. Il gene endoca una proteina di 388 aminoacidi con un peptide segnale di 15 aminoacidi e un propeptide di 46 aminoacidi. PGA5: Pepsinogeno 5, gruppo I (pepsinogeno A). I pepsinogeni sono i precursori inattivi della pepsina, la principale proteasi acida presente nello stomaco. La pepsina è uno dei principali enzimi proteolitici secreti dalla mucosa gastrica. La pepsina è costituita da una singola catena polipeptidica e deriva dal suo precursore, il pepsinogeno, mediante rimozione di un segmento di 41 amminoacidi dall'N-terminale. Il pepsinogeno è sintetizzato nel rivestimento dello stomaco e l'acido cloridrico, prodotto anche dalla mucosa gastrica, è necessario per convertire l'enzima inattivo e per mantenere l'acidità ottimale (pH 1-3) per la funzione della pepsina. La pepsina è particolarmente efficace nello scindere i legami peptidici che coinvolgono gli amminoacidi aromatici. La pepsina mostra una specificità estremamente ampia; sebbene siano preferiti i legami che coinvolgono fenilalanina e leucina, molti altri vengono anche scissi in una certa misura. PGA5 è un membro della sottofamiglia A1 all'interno della famiglia delle pepsine ed è l'endopeptidasi predominante nel succo gastrico dei vertebrati. PGA5 è inibito da ovUS-1, una serpina uterina.
Maggiori informazioniIl pepsinogeno I, i precursori della pepsina, è prodotto dalla mucosa gastrica e rilasciato nel lume gastrico e nella circolazione periferica. Il pepsinogeno è costituito da una singola catena polipeptidica di 375 aminoacidi con un peso molecolare medio di 42 kD. Il PG I (isoenzima 1-5) è secreto principalmente dalle cellule principali della mucosa fundica, mentre il PG II (isoenzima 6-7) è secreto dalle ghiandole piloriche e dalla mucosa duodenale prossimale.
Il precursore riflette il numero di cellule della superficie dello stomaco e le cellule ghiandolari e controlla indirettamente l'atrofia gastrica. Sono anche straordinariamente stabili perché svolgono il loro lavoro nelle dure condizioni presenti nel sistema digerente. L'atrofia del corpo mucoso porta a una bassa sintesi del pepsinogeno I e quindi al suo basso rilascio nel siero. Il pepsinogeno I sierico indica la funzione e gli stati della mucosa gastrica.
pepsinogeno 1

Acquista il reagente ChemWhat

Vuoi acquistare questo reagente? Verifica disponibilità e prezzo

Produttori all'ingrosso approvati

Vuoi essere elencato come produttore approvato (servizio gratuito ma richiede l'approvazione)? Fare clic qui per contattare ChemWhat

Altri Fornitori

Watson International Ltd Inchiesta di [email protected]
Vuoi essere elencato qui come fornitore? (Servizio a pagamento) Fare clic qui per contattare ChemWhat

Contattaci per altro aiuto

Contattaci per altri servizi come trasferimento di tecnologia, letteratura sintetica, approvvigionamento, pubblicità, ecc. Fare clic qui per contattare ChemWhat